Riti. Misteri. Quelli della Settimana Santa sono un crogiuolo di passione, fede e tradizione. Capaci di coinvolgere, emozionare, rapire. La Capitanata vive questi grandi momenti di religiosità frammista a consuetudini vecchie di secoli con momenti unici, quando l’uomo ripercorre gli ultimi giorni della vita terrena di Cristo. Questo avviene attraverso diversi appuntamenti religiosi, quali la riproposizione delle processioni del Venerdì Santo, tra le più suggestive ci sono quelle di San Severo e Vico del Gargano, oppure il rituale delle “Fracchie" a San Marco in Lamis o le trasposizioni sceniche della Via Crucis a Poggio Imperiale, Troia e Roseto Valfortore, ma anche la processione delle catene a Troia. C’è tutto questo nell’universo di culture popolari che ruotano attorno ai tanti eventi previsti nel Foggiano durante la Settimana Santa. Si tratta di momenti di purificazione, vissuti dalla popolazione in diverso modo. Le tante funzioni religiose celebrate durante la settimana santa sono cariche di pathos: figli di una cultura barocca che affonda le sue origini nei culti ispanici, restano un punto di forza della tradizione religiosa locale. Non c’è comunità che ne è priva, dal Gargano al Subappennino dauno attraversando il Tavoliere: ovunque c’è un rito, una processione, occasioni per intensi momenti di raccoglimento, riflessione e pentimento.

I sepolcri del Giovedì Santo

Le processioni del Venerdì Santo

Il Sabato Santo e la Domenica di Pasqua