carlantini
Giovedì, 30 Luglio 2015 22:11

Monte S.Angelo, la tarantella ripropone la sua Woodstock

Precedente edizione del Raduno Precedente edizione del Raduno

Si svolgerà domenica 2 agosto la quinta edizione de “Il Raduno dei Suonatori di Tarantella”. Per le vie del centro storico di Monte Sant’Angelo, suonatori, danzatori, musicisti e appassionati si ritroveranno per rivivere le emozioni e i suoni delle tradizioni del Gargano. Un vero e proprio tributo alla Tarantella del Gargano, dove i partecipanti formano una grande orchestra popolare che accompagna e supporta, con gli strumenti classici della tradizione, i veterani, maestri cantori della Tarantella. Ricco il programma della giornata: 16 i gruppi partecipanti che rappresentano la maggior parte dei comuni del Gargano; l’ospite speciale sarà Mimmo Epifani & Epifani Barbers, uno stage di musica e danza tradizionale, un convegno sui canti all’altalena di San Nicandro Garganico, una mostra dell’artigianato musicale garganico e un percorso degustativo a base di pane di Monte Sant’Angelo. Alle ore 21:30 il concertone finale in largo Dauno. La manifestazione, ideata e coordinata da Peppe Totaro, leader dei Tarantula Garganicaè finanziata dal Gal Gargano in collaborazione con il Comune di Monte Sant’Angelo, l’Associazione culturale Museca, Studio Uno, Ferrovie del Gargano e l’Associazione cuochi Gargano e Capitanata.

«Un impegno, quello della riscoperta e della valorizzazione della musica popolare del Gargano come elemento condiviso della cultura del territorio - ha dichiarato il presidente del Gal Gargano, Francesco Schiavone - che sta caratterizzando in modo significativo la nostra azione in questa fase della programmazione». «Il Raduno nasce con l'obiettivo di creare nuove sinergie tra gli appassionati di musica popolare garganica, attraverso l'esperienza diretta con i grandi maestri della Tarantella del Gargano, al fine di salvaguardare tale tradizione, diffonderla alle nuove e future generazioni” – dichiara Peppe Totaro, ideatore e coordinatore  della manifestazione, che aggiunge – “dopo 5 anni l’evento continua a crescere e si radica sempre più sul territorio ed è ormai un punto di riferimento per i suonatori di Tarantelle del Gargano. Inoltre, la  manifestazione è arricchita da diverse attività di approfondimento: dagli stage, alle mostre, ai convegni, ai percorsi degustativi . Un momento quindi di dialogo e confronto tra il passato e il presente, ma anche un grande momento di valorizzazione e promozione»

Il programma:

MATTINA

ORE 10:00  CHIOSTRO DELLE CLARISSE

STAGE DI DANZA “LE TARANTELLE DEL GARGANO”

A CURA DEL PROF. PINO GALA E TIZIANA MINIATI

ACCOMPAGNATI DA MICHELE RINALDI E ANTONIO STEDUTO

(CANTORI DI SAN GIOVANNI ROTONDO)

 

POMERIGGIO

ORE 15:30  CHIOSTRO DELLE CLARISSE

STAGE DI CHITARRA BATTENTE 

“LE TARANTELLE DEL GARGANO”

A CURA DI NICOLA SCAGLIOZZI

 

ORE 16:30  SALA BIBLIOTECA COMUNALE

PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO ANNI ’80

SUI DANZATORI ANZIANI DEL GARGANO

A CURA DEL PROF. PINO GALA

 

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

“ESSERE STATI QUAGGIÙ”

IL CANTO ALL’ALTALENA DI SANNICANDRO GARGANICO

A CURA DELL’ASSOCIAZIONE LE INDIE DI QUAGGIÙ

 

ORE 18:30 PIAZZA DE GALGANIS

MOSTRA DELL’ARTIGIANATO MUSICALE GARGANICO

 

ORE 19:00 PIAZZA DE GALGANIS

INCONTRO SUONATORI E DANZATORI

“SUONATA DI SALUTO”

 

DALLE ORE 19:00

#EXPOGARGANO

“ITINERARI DEL GUSTO: IL PANE”

PERCORSO DEGUSTATIVO CON SHOW COOKING

CON L’ASSOCIAZIONE CUOCHI GARGANO E CAPITANATA

 

SERA

ORE 20:00 CENTRO STORICO

WORKSHOP “LE TARANTELLE DEL GARGANO”

A CURA DEI GRUPPI PARTECIPANTI

 

ORE 21:30 LARGO DAUNO

“CONCERTONE FINALE”

 

LE INDIE DI QUAGGIU’

CANTORI DI CARPINO

CANTORI DI SAN GIOVANNI ROTONDO

CANTORI DI MONTE SANT’ANGELO

 

SPECIAL GUEST 

MIMMO EPIFANI & EPIFANI BARBERS

 

PARTECIPERANNO:

CANTORI DI MONTE SANT’ANGELO, CANTORI DI SAN GIOVANNI ROTONDO, CANTORI DI CARPINO, , TARANTULA GARGANICA, LA MATRACATROPPA, RIONE JUNNO, LE INDIE DI QUAGGIÙ, PIO GRAVINA E MIKE MACCARONE, FESTA FARINA E FOLK, NICOLA SCAGLIOZZI, PROGETTO ARIA SONORA, LE MULIERES GARGANICHE, AGORART, FOLKANIMA, I COMPARI SPAMPANATI, GIROLLÈ  E ETHNOS.